Categoria: recensioni

Un aldilà tutt’altro che silenzioso: ‘Parole nella polvere’ di Máirtín Ó Cadhain

Un aldilà tutt’altro che silenzioso: ‘Parole nella polvere’ di Máirtín Ó Cadhain

Máirtín Ó Cadhain è una delle più importanti voci della letteratura irlandese del Novecento ed è ancora poco conosciuto in Italia. Ecco che quest’anno Edizioni Lindau ha fronteggiato questa lacuna editoriale, pubblicando la prima traduzione italiana di quello che, in patria e nei paesi anglofoni, è considerato il suo capolavoro: ‘Cré na Cille’ – ‘Parole nella polvere’.

Di ritorni e strane fitte alla bocca dello stomaco: ‘La memoria delle tartarughe marine’ di Simona Binni

Di ritorni e strane fitte alla bocca dello stomaco: ‘La memoria delle tartarughe marine’ di Simona Binni

Tra ritorni a casa e inaspettati cambiamenti di prospettiva, Il nuovo lavoro di Simona Binni per Tunué conferma la sua bravura nel tessere trame e destini diversi in un’unica storia che definire toccante è riduttivo.

«Avrò diciotto anni da uomo»: ‘La madre di Eva’ di Silvia Ferreri

«Avrò diciotto anni da uomo»: ‘La madre di Eva’ di Silvia Ferreri

Per il suo primo romanzo (edito da Neo Edizioni), la giornalista e scrittrice Silvia Ferreri sceglie la forma della confessione e del ricordo per avvicinarsi a un argomento difficile: quello della transizione da un corpo femminile a uno maschile.

Quando chi non conosci ti fa da specchio: ‘Dal tuo terrazzo si vede casa mia’ di Elvis Malaj

Quando chi non conosci ti fa da specchio: ‘Dal tuo terrazzo si vede casa mia’ di Elvis Malaj

Il primo autore italiano di Racconti edizioni scrive di un mondo difficile che conosce bene e lo fa senza alcuno sconto per i propri personaggi. I racconti di Elvis Malaj vanno oltre la letteratura di migrazione: ci mostrano dei tipi umani. A prescindere dalla nazionalità.

Non sottovalutare mai il potere delle donne: ‘Ragazze elettriche’ di Naomi Alderman

Non sottovalutare mai il potere delle donne: ‘Ragazze elettriche’ di Naomi Alderman

Nottetempo porta in Italia Naomi Alderman e la sua distopia: una critica al potere, visto come assoluto, potente e prevalentemente maschile, nella forma del suo romanzo, ‘Ragazze elettriche’, ben accolto persino da Margaret Atwood.

Con i ‘Racconti fantastici’ di Igino Ugo Tarchetti il fantastico si tinge di nero

Con i ‘Racconti fantastici’ di Igino Ugo Tarchetti il fantastico si tinge di nero

Edizioni Lindau ci fa scoprire un Tarchetti più vicino a Edgar Allan Poe che ai suoi compagni scapigliati. Consigliatissimo a chi ama l’horror e le suggestioni misteriose.