Dittatura, madri, cuore, sangue: Nona Fernández racconta ‘La dimensione oscura’ al Tempo Ritrovato Libri | 09 settembre 2018

«Come un dj» Nona Fernández ha saputo mixare e raccontarci una parte dolorosissima e sanguinosa della storia del proprio paese, il Cile, avvalendosi del potere del ricordo e dell’immaginazione. Incontrarla ed ascoltarla, in una domenica di fine estate, è stato letteralmente uno dei regali più belli che un lettore potesse farsi.

Lunedì dei libri d’estate: ‘Il paese dove non si muore mai’ di Ornela Vorpsi

Leggere oggi l’esordio del 2005 di Ornela Vorpsi, ora ripubblicato da minimum fax, aiuta a conoscere dinamiche di vita in un paese straniero di cui spesso conosciamo poco o niente. La Vorpsi scrive nella lingua che imparato, scavando a fondo nella carne e nei pregiudizi di un’Albania assolata e polverosa.

Pagliacci cileni e moderne mille e una notte: ‘Tony Nessuno’ di Andrés Montero

Tony Nessuno è un romanzo grande nella sua festosa malinconia, che spiazza per la capacità di Andrés Montero di farsi Shahrazad a sua volta, lui che giovanissimo cantastorie lo è anche nella vita, non abbandonando mai quel senso di tensione verso la fine del racconto capace di riservare non poche sorprese. 

Crescita, storia, radici: si torna a Port William con ‘I primi viaggi di Andy Catlett’ di Wendell Berry

Con ‘I primi viaggi di Andy Catlett’, Wendell Berry dà voce alle speranze della giovinezza e ai ricordi della vecchiaia, alle certezze del mondo agricolo e agli stravolgimenti del progresso industriale e lo fa entrando nella vita del suo protagonista da bambino, Andy, in punta di piedi.